Venezia

La lista dei vini a denominazione di origine controllata del Veneto si arricchisce con l'ingresso dei vini "Venezia", la cui DOC è stata riconosciuta il 22 dicembre 2010 con l'approvazione del relativo disciplinare di produzione. È giunto dunque il giusto riconoscimento per una tradizione vitivinicola dalle lontane origini, una tradizione che da sempre ha puntato alla qualità. La DOC Venezia comprende tutto il territorio del Piave e la quasi totalità del Lison Pramaggiore, estendendosi dunque nelle province di Venezia e Treviso, dai colli di Conegliano alla laguna di Caorle.

Possono fregiarsi del titolo Venezia Doc i vini delle seguenti tipologie: Rosso, Merlot, Cabernet-Sauvignon, Cabernet Franc, Chardonnay, Pinot Grigio, Bianco Spumante, Bianco Frizzante, Rosato, Rosato Spumante, Rosato Frizzante. Secondo le indicazioni contenute nelle norme relative alla base ampelografica, tali vini devono necessariamente essere ottenuti da uve provenienti da vitigni situati nelle province di Venezia e Treviso nei quali siano presenti, per almeno l'85%, le varietà di Merlot, Cabernet-Sauvignon, Cabernet franc, Chardonnay, Pinot grigio. Per quanto riguarda i vini Rosato o Rosé (anche in versione spumante e frizzante), la produzione avviene con uve provenienti per almeno il 70% da vitigni Raboso Piave o Raboso veronese. Il Rosso DOC Venezia proviene da uve Merlot per almeno il 50%, mentre per il Bianco frizzante e il Bianco spumante, la composizione è Verduzzo friulano o Verduzzo trevigiano o Glera per almeno il 50%. Anche per quel che riguarda le norme relative a tecniche di coltivazione e vinificazione, sono ammesse solamente le pratiche tradizionali della zona, con interventi atti a non modificare le caratteristiche delle uve e dei vini, nell'ottica dell'identificazione e della valorizzazione di un territorio peculiare e strategico come risulta essere l'area del Piave.

Le caratteristiche delle varie tipologie del Venezia Doc, sono:

Chardonnay: colore giallo paglierino talvolta con riflessi verdognoli; odore caratteristico, gradevole; sapore secco, armonico, caratteristico; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

Pinot grigio: colore da giallo paglierino al ramato; odore intenso, caratteristico; sapore vellutato, morbido e armonico; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

Merlot: colore rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento; odore vinoso, piacevolmente intenso, caratteristico; sapore morbido, armonico, di pieno corpo; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

Cabernet franc: colore rosso rubino intenso tendente al granato con l’invecchiamento; odore vinoso, caratteristico, con profumo intenso e persistente; sapore asciutto, pieno; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

Cabernet Sauvignon: colore rosso rubino intenso tendente al granato con l’invecchiamento; odore vinoso caratteristico, intenso, persistente; sapore secco, pieno, morbido; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

Rosato o rosé: colore rosato più o meno tenue; odore fruttato, delicato; sapore secco, vivace, armonico; titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.

Bianco spumante: spuma fine e persistente; colore giallo paglierino più o meno intenso; odore: delicato e fruttato; sapore da brut al demisec, fresco, armonico; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00 % vol.

Rosato o rosé spumante: spuma fine e persistente; colore rosato più o meno tenue; odore: caratteristico, fruttato talvolta con sentore di lievito; sapore da brut al demisec, fresco, armonico;  titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

Bianco frizzante: spuma fine ed elegante; colore giallo paglierino; odore delicato, fruttato; sapore: da secco ad amabile, armonico, gradevole; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00 % vol.

Rosato / Rosè frizzante: spuma fine e persistente; colore rosato più o meno tenue; odore delicato, fruttato; sapore da secco ad amabile, armonico, vellutato; titolo alcolometrico volumico totale minimo 10,50% vol.

Rosso: colore rosso rubino tendente al granato con l’invecchiamento; odore vinoso intenso e persistente; sapore secco, armonico, vellutato; titolo alcolometrico volumico totale minimo 11,00% vol.

I vini Bianchi del Venezia Doc vanno degustati in calici flûte a una temperatura di 6-8°C. I Rossi invece in calici per vini rossi di gran corpo (ballon) a una temperatura di 16-18°C. Le tipologie dei Bianchi sono ottime con risotto all'anguilla, asparagi e cozze. Quelle dei Rossi si abbinano a preparazioni abbastanza strutturate come primi piatti al ragù di carne, pollame e cacciagione da piuma al forno e allo spiedo, formaggi a pasta dura piuttosto stagionati.