Montello Rosso

Sulle colline argillose del Montello, il clima è secco d’estate e rigido d’inverno e le forti pendenze (i vigneti sono ben esposti e ubicati su terreni collinari o pedecollinari) e la particolare disposizione del terreno (la cui natura acida facilita nella pianta l’assorbimento di microelementi) fanno sì che la vite sia una delle poche colture che riescono a sopravvivere in questo ambiente. La vite, secondo queste condizioni climatiche e ambientali, dà origine a una limitata produzione di elevata qualità, che viene mantenuta grazie anche alle pratiche arboree applicate durante la stagione vegetativa, come, ad esempio, il diradamento estivo dei grappoli, l’inerbimento dei filari ed una potatura drastica invernale. La resa massima di uva per ettaro del Montello in coltura specializzata non supera le 10 tonnellate con una densità di impianto non inferiore a 3.500 ceppi. La zona di produzione delle uve atte alla produzione dei vini Docg Montello Rosso o Montello comprende l'intero territorio dei comuni di Castelcucco, Cornuda e  Monfumo e parte del territorio dei comuni di Asolo, Borso del Grappa, Caerano S. Marco, Cavaso del Tomba, Crespano del Grappa, Crocetta del Montello, Fonte, Giavera del Montello, Maser, Montebelluna, Nervesa della Battaglia, Paderno del Grappa Pederobba, Possagno, S. Zenone degli Ezzelini e Volpago del Montello, tutti in provincia di Treviso. Viene prodotto anche nella tipologia Superiore.

 Vitigno

Cabernet Sauvignon dal 40 al 70%, Merlot e/o Cabernet Franc e/o Carmenère dal 30 al 60%. Possono concorrere fino ad un massimo del 15% le uve dei vitigni a bacca rossa esclusi gli aromatici, idonei alla coltivazione per la provincia di Treviso. 

 

 Caratteristiche

Aspetto

Colore rosso rubino intenso tendente al granato con l’invecchiamento.

Profumo

L'odore è vinoso intenso, gradevole, etereo.

Gusto

Il sapore è secco sapido, robusto e lievemente speziato, a volte con sentori di legno in relazione alla conservazione in botti di rovere.

Gradazione

La gradazione minima prevista è di 11,50% vol per il Montello Rosso, e di 12,50% vol per la tipologia Superiore.

Età ottimale

Il Montello Rosso o Montello, deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento di almeno 18 mesi di cui almeno 9 mesi in botti di rovere ed almeno 6 mesi in bottiglie; per quanto riguarda la tipologia Superiore deve essere sottoposto ad un periodo di affinamento che dovrà essere di almeno 24 mesi, di cui almeno 12 mesi in botti di rovere ed almeno 6 mesi in bottiglia.

 
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Montello Rosso
  • Montello Rosso Superiore

 Calice e servizio

Va servito in calici ballon a una temperatura compresa fra i 16° e i 18° C.

 

 

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Montello Rosso si abbina bene con carni rosse o con formaggi di media stagionatura. Molto bene anche la classica “pasta e fasoi” o la “luganega con i funghi (del Montello)” o la “Sopa coada”, una zuppa cotta al forno con piccioni (o volatili in genere) e formaggio.