Merlara

Il Merlara Doc si produce nell'intero territorio amministrativo di Masi, Castelbaldo, Merlara, Urbana e Casale di Scodosia, in parte di quello di Montagnana, in provincia di Padova e in quello di Terrazzo, Bevilacqua e Boschi Sant'Anna, in provincia di Verona. La zona di produzione è sempre stata interessata dalla coltivazione della vite, anche se solamente come coltura marginale e secondaria: già nel Cinquecento infatti si coltivavano vigne, le cui uve raccolte e trasformate in vino nelle cantine delle corti ristoravano i numerosi viandanti che percorrevano le antiche strade di collegamento con gli importanti centri abitati. La zona si è affacciata solo recentemente sul panorama vitivinicolo di qualità proprio grazie alla volontà dei viticoltori dell'area, che hanno investito non solo in una conduzione più tecnicamente qualificata dei vigneti ma anche nel settore della vinificazione.  Il territorio offre anche monumenti molto interessanti, come le mura storiche di Montagnana, Villa Correr a Casale di Scodosia, Villa Barbarigo a Merlara e Villa Fascinato a Terrazzo. Non da meno sono da apprezzare le bellezze del paesaggio. Con lo sfondo dei Colli Euganei e dei Colli Berici, ogni stagione caratterizza e modifica il paesaggio vallivo rendendolo unico. Il Merlara Doc viene prodotto in diverse tipologie: Bianco, Rosso, Malvasia, Tocai, Cabernet, Cabernet Sauvignon, Marzemino frizzante e Merlot.

 Vitigno

Il Merlara Bianco si ottiene da uve Tocai friulano per una percentuale variabile dal 50 al 70%. Possono concorrere fino a un massimo del 50% le uve a bacca bianca non aromatiche raccomandate e/o autorizzate per le province di Padova e Verona. Il Rosso si ottiene da uve Merlot dal 50 al 70% e da Cabernet Franc, Sauvignon, Carmenere e Marzemino (da sole o congiuntamente) fino a un massimo del 50%. Possono concorrere (ma per non oltre il 15%) le uve a bacca rossa non aromatiche raccomandate e/o autorizzate per le province di Padova e Verona. Tocai, Malvasia, Merlot, Cabernet Sauvignon e Marzemino devono essere ottenuti dalle uve dell'omonimo vitigno per almeno l'85%. Per il residuo possono concorrere le uve a bacca di colore analogo non aromatiche raccomandate e/o autorizzate per le province di Padova e Verona. Infine per la produzione del Cabernet possono concorrere, congiuntamente o disgiuntamente, le uve di Cabernet Franc e Cabernet Sauvignon per almeno l'85%; per un massimo del 15% le uve a bacca di colore analogo non aromatiche raccomandate e/o autorizzate per le province di Padova e Verona.

 Caratteristiche

Aspetto

All'esame visivo il Merlara Bianco si presenta di colore giallo paglierino, a volte tendente al verdognolo. La versione Rosso ha colore rosso rubino. Il Merlara Doc Merlot ha colore rosso rubino se giovane, tendente al granato se invecchiato.

Profumo

Il Merlara Bianco ha odore vinoso, con caratteristico profumo intenso e delicato; la versione Rosso ha odore vinoso, intenso e delicato. Il Merlara Doc Merlot presenta odore vinoso, piuttosto intenso, gradevole, caratteristico.

Gusto

Il Merlara Bianco ha sapore asciutto, di medio corpo, armonico e leggermente amarognolo. Il Rosso ha sapore asciutto, di medio corpo e armonico. Infine il Merlara Doc Merlot ha sapore asciutto, talvolta morbido, armonico, caratteristico.

Gradazione

La gradazione minima prevista sia per il Merlara Bianco che per il Merlara Rosso è di 11,00% vol, mentre il Merlara Doc Merlot deve avere una gradazione minima di 11,50% vol.

Età ottimale

L'età ottimale è all'incirca 24-36 mesi.

 
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Merlara Bianco
  • Merlara Rosso
  • Merlara Rosso Novello
  • Merlara Malvasia
  • Merlara Tocai
  • Merlara Cabernet
  • Merlara Cabernet Sauvignon
  • Merlara Marzemino frizzante
  • Merlara Merlot.

 Calice e servizio

Il Merlara Doc Bianco va degustato in calici di media capacità a tulipano svasato, alla temperatura di 8-10 °C. Il Rosso e il Merlot vanno serviti in calici bordolesi a una temperatura di16-18°C.

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Merlara Doc Bianco si abbina al riso con anguilla, asparagi e cozze. Il Merlara Doc Rosso e il Merlot si abbinano all'Asiago e al Piave, ma anche al formaggio ubriaco, pasta e fagioli, polenta e osei.