Gambellara

Nella stessa zona di produzione del prestigioso Recioto di Gambellara Docg, e precisamente in provincia di Vicenza, in tutto o in parte nei territori dei comuni di Gambellara, Montebello Vicentino, Montorso e Zermeghedo, vengono prodotti anche il Gambellara Doc, vino bianco asciutto, armonico, che si fregia della menzione "classico" quando deriva dalla zona storica di produzione e il Gambellara Vin Santo. Gambellara si trova al confine tra Vicenza e Verona, allo sbocco della valle del Chiampo, sulle ultime propaggini dei Monti Lessini che qui si presentano come morbide ondulazioni, comprese tra 250 e 350 metri di quota, rivestite da vigneti, e con vallette verdeggianti percorse da vari corsi d'acqua. Geologicamente si tratta di un'area di origine vulcanica, con suoli basaltici, che si manifestano per lo più sotto forma di tufi terrosi e friabili, particolarmente favorevoli alla coltura della vite per la loro naturale fertilità e l'elevato contenuto minerale, cui si devono gli straordinari accenti del vino. L'area attualmente coltivata a vigneto si estende su circa mille ettari, per lo più collinari, buona parte dei quali costituiscono la cosiddetta zona "classica", di più antica tradizione produttiva.

Nelle vigne è grande protagonista l'uva Gargànega, pressoché esclusiva del Veneto occidentale, dalla quale si traggono vini bianchi, asciutti e passiti, di eccezionale qualità.

 Vitigno

Garganega min. 80%, Pinot bianco, Chardonnay e Trebbiano di Soave (nostrano) max. 20%.

 

 

 

 

 Caratteristiche

Aspetto

Il Gambellara Doc ha colore che va dal paglierino al dorato chiaro. Il Gambellara Doc Vin santo ha colore giallo ambrato carico.

Profumo

L'odore del Gambellara Doc è leggermente vinoso, con profumo accentuato, caratteristico. Quello del Gambellara Doc Vin santo è intenso, caratteristico di passito.

Gusto

Il Gambellara Doc ha sapore asciutto o talvolta abboccato, delicatamente amarognolo, di medio corpo e giusta acidità, armonico, vellutato. Il Gambellara Doc Vin Santo ha sapore dolce, armonico, vellutato di passito.

Gradazione

La gradazione alcolica minima è pari a 10,50% vol per il Gambellara Doc, mentre per il Gambellara Doc Vin Santo è di 14,00% vol.

Età ottimale

Il vino a denominazione di origine Gambellara Classico Vin Santo non potrà essere immesso al consumo se non dopo aver subito un periodo di invecchiamento di 2 anni a partire dal 1° gennaio successivo a quello dell'annata di produzione delle uve.

 
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Gambellara
  • Gambellara Superiore
  • Gambellara Classico
  • Gambellara Classico Vin santo 

 Calice e servizio

Il Gambellara Doc va servito in calici a tulipano svasato a una temperatura di 8-10°C, entro l'anno successivo alla vendemmia. Il Gambellara Doc Vin santo deve essere servito in calici di media capacità a tulipano, a una temperatura di 10-12°C.

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Gambellara Doc si abbina perfettamente a preparazioni poco strutturate, come antipasti di mare con sugo bianco e crostacei, risotti ai frutti di mare e al nero di seppia e baccalà. Il Gambellara Doc Vin santo si abbina alla pasticceria secca e al pandoro.