Corti Benedettine del Padovano

La zona di produzione del vino Corti Benedettine del Padovano, che ha ottenuto la Doc nel 2004, si estende nell'area sud-orientale della provincia di Padova, dove comprende in toto i territori dei comuni di Agna, Anguillara Veneta, Arre, Arzergrande, Bagnoli di Sopra, Bovolenta, Brugine, Candiana, Cartura, Casalserugo, Conselve, Due Carrare, Legnaro, Maserà di Padova, Pernumia, Piove di Sacco, Polverara, Ponte S. Nicolò, Pontelongo, S. Angelo di Piove di Sacco, S. Pietro Viminario, Terrassa Padovana e Tribano, e in parte i comuni di Albignasego, Battaglia Terme, Codevigo, Correzzola, Monselice e Pozzonovo, e nella parte meridionale della provincia di Venezia, dove include parte dei comuni di Cavarzere e Cona. Ma la denominazione intende anche richiamare un periodo storico importante per lo sviluppo socio-economico di questa parte della pianura veneta. Il territorio ha conosciuto la presenza e l’opera dei monaci dell’Abbazia benedettina di Santa Giustina di Padova. A Legnaro, a Correzzola, a Concadalbero e in molti altri centri della bassa padovana andavano pian piano sviluppandosi opere di recupero di ampi territori attraverso la bonifica e la successiva coltivazione dei terreni. Le Corti Benedettine erano il centro amministrativo, economico e sociale di estese proprietà che, sotto la guida dei monaci, provvedevano allo sviluppo del territorio attraverso la bonifica dei suoli, l’arginatura dei fiumi, la costruzione di fabbricati rurali e la lavorazione dei terreni. La coltivazione della vite, già testimoniata in epoca romana, trova nel territorio ampia diffusione.

Diverse sono le tipologie di vini prodotti, che possono essere consumati giovani e dei quali va apprezzata la freschezza accompagnata da intense note floreali, altri invece si prestano a periodi di medio o lungo invecchiamento.

 Vitigno

Bianco: min. 50% Friulano + Pinot bianco e/o Pinot grigio e/o Chardonnay e/o Sauvignon max. 50%; con menzione del vitigno Bianchi: Pinot Bianco, Pinot Grigio, Chardonnay (anche frizzante e spumante), Sauvignon, Tai ciascuno min. 85%, possono concorrere altri vitigni a bacca bianca racc. e/o aut. per le province di Padova e Venezia max. 15%; Moscato Spumante o Spumante: min. 95% Moscato Giallo + vitigni a bacca bianca racc. e/o aut. per le province di Padova e Venezia max. 5%; Passito: min. 70% Moscato giallo, possono concorrere altri vitigni a bacca bianca racc. e/o aut. per le province di Padova e Venezia max. 30%; Rosato, Rosso, Novello: 60-70% Merlot, min. 10% Raboso Piave e/o Veronese, max. 30% Cabernet Franc e/o Cabernet Sauvignon e/o Carmenère e/o Refosco; con menzione del vitigno Rossi: Merlot, Cabernet (Franc e/o Sauvignon e/o Carmenère) anche Riserva, Cabernet Sauvignon, Raboso (Piave e/o Veronese) anche Riserva e Passito, Refosco anche Riserva, ciascuno min. 85%, possono concorrere altri vitigni a bacca rossa racc. e/o aut. per le province di Padova e Venezia, max. 15%.

 Caratteristiche

Aspetto

Il Corti Benedettine del Padovano Doc, nelle tipologie dei vini Bianchi, si presenta con colore giallo paglierino, il Rosso e tutte le sue tipologie hanno colore rosso rubino da giovane, tendente al granato con l'invecchiamento, il Rosato ha colore rosato tendente al rubino, lo Spumante Moscato presenta spuma sottile con grana fine e persistente, colore giallo paglierino più o meno intenso.

Profumo

Le tipologie del Corti Benedettine del Paovano Doc Bianco hanno odore vinoso, quelle del Corti Benedettine del Padovano Doc Rosso hanno odore vinoso, intenso, con profumo gradevole. Il Raboso ha odore vinoso marcato, tipico, con profumi di marasca e di violetta con il prolungato invecchiamento, infine il Passito ha odore caratteristico di passito, aromatico, fine, gradevole.

Gusto

Il Corti Benedettine del Padovano Bianco in bocca si presenta asciutto, sapido, fine, vellutato, il Rosso ha sapore asciutto, intenso, vellutato, armonico, il Rosato sapore asciutto ed armonico, lo Spumante Moscato ha sapore asciutto ed armonico, il Cabernet sapore asciutto, pieno, di corpo, austero e vellutato se invecchiato, il Raboso sapore asciutto, pieno, di corpo, austero e vellutato se invecchiato, il Novello sapore asciutto, talvolta abboccato, armonico e vellutato, le tipologie Passito hanno sapore sapore amabile o dolce, armonico.

Gradazione

Le gradazioni minime previste sono rispettivamente: per il Bianco 10,50% vol, per il Rosso e il Rosato 11,00% vol, per il Pinot Bianco 11,50% vol, per lo Chardonnay 11,00% vol, per il Sauvignon 11,50% vol, per lo Spumante Moscato 11,00% vol, per il Merlot 11,50% vol, per il Cabernet 11,00% vol - 12,50% vol per la versione riserva, per il Raboso 11,00% vol - 12,50% vol per la versione riserva, per il Refosco dal peduncolo rosso 11,50% vol e 12,50% vol per la versione riserva, il Novello 11,00% vol, per il Raboso Passito 14,50% vol, per il Passito 13,00% vol, di cui almeno 11,00% vol effettivo.

Età ottimale

I vini Cabernet, Cabernet Sauvignon, Raboso e Refosco dal peduncolo rosso, possono essere designati con la menzione "Riserva", qualora siano sottoposti ad un periodo di invecchiamento di almeno 2 anni, di cui almeno 6 mesi in botte di legno, con decorrenza dal 1° novembre dell'anno della vendemmia.

 
 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Corti Benedettine del Padovano Bianco
  • Corti Benedettine del Padovano Chardonnay (anche nelle versioni frizzante e spumante)
  • Corti Benedettine del Padovano Pinot bianco
  • Corti Benedettine del Padovano Pinot grigio
  • Corti Benedettine del Padovano Sauvignon
  • Corti Benedettine del Padovano Tai
  • Corti Benedettine del Padovano Moscato spumante
  • Corti Benedettine del Padovano Passito da Moscato giallo.
  • Corti Benedettine del Padovano Rosso
  • Corti Benedettine del Padovano Rosato
  • Corti Benedettine del Padovano Novello
  • Corti Benedettine del Padovano Cabernet (anche Riserva)
  • Corti Benedettine del Padovano Cabernet Sauvignon
  • Corti Benedettine del Padovano Merlot
  • Corti Benedettine del Padovano Raboso (anche Riserva, Passito)
  • Corti Benedettine del Padovano Refosco dal peduncolo rosso (anche Riserva)

 Calice e servizio

Il Corti Benedettine del Padovano Bianco va degustato in calici di media capacità a tulipano svasato, a una temperatura di 8-10°C. Il Rosso va invece servito in calici bordolesi a una temperatura di 16-18°C.

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Moscato - con eccezione della tipologia secco ideale con minestre, risotti, paste con pesce e verdure - è un vino da dessert, particolarmente adatto per accompagnare dolci secchi e biscottteria. I bianchi si abbinano bene a primi piatti, antipasti leggeri, piatti di pesce, uova, minestre, zuppe e formaggi a pasta morbida. I rossi si accostano bene a pollame, carni in umido, arrosti, bolliti, cacciagione, formaggi stagionati e salumi.