Colli Asolani o Asolo-Prosecco

La zona di produzione delle uve atte alla produzione del vino Docg Colli Asolani o Asolo-Prosecco comprende l’intero territorio dei comuni di Castellucco, Cornuda, Monfumo e parte del territorio dei comuni di Asolo, Caerano, San Marco, Cavaso del Tomba, Crocetta del Montello, Fonte, Giavera del Montello, Maser, Montebelluna, Nervesa della Battaglia, Paderno del Grappa, Pederobba, Possagno del Grappa, San Zenone degli Ezzelini, Volpago del Montello tutti in provincia di Treviso, sui comprensori collinari costituiti dal Montello e i Colli Asolani posti ai piedi delle Dolomiti. Sono questi due sistemi collinari quasi a sé stanti, caratterizzati da un'altitudine che va dai 100 ai 450 metri s.l.m., il cui paesaggio, elemento fortemente distintivo, presenta una forte integrità e una giacitura con pendenze e curve che gli conferiscono dolcezza e armonia. Il paesaggio, qui espressione umana fortemente distintiva, si caratterizza per una forte integrità che ha permesso di conservare suoli originari e pertanto molto favorevoli alla coltivazione. I caratteri morfologici si sono conservati e il soprassuolo ricorda quello descritto dai viaggiatori del passato, dove la presenza non invadente del vigneto divide tutt'oggi lo spazio con altre colture a ricordare l'antica conduzione familiare. La presenza e lo sviluppo della vite sui Colli Asolani e sul Montello si deve ai monaci benedettini prima e alla presenza della Repubblica di Venezia poi. I monaci benedettini si insediarono intorno all'anno mille in particolare nel monastero di Santa Bona a Vidor e nella Certosa del Montello a Nervesa; con il loro operato essi hanno influenzato in modo molto importante la storia agraria e vitivinicola del territorio, determinando la profonda cultura per la vite e il vino che persiste tuttora.

Questo vino viene prodotto nelle tipologie Colli Asolani o Asolo-Prosecco Tranquillo, Colli Asolani o Asolo-Prosecco Frizzante, Colli Asolani o Asolo-Prosecco Spumante Superiore. La resa massima di uva per ettaro in coltura specializzata non deve essere superiore a 12,00 t/ha.

 Vitigno

Glera minimo 85%; possono concorrere, in ambito aziendale, fino ad un massimo del 15% le uve delle seguenti varietà, utilizzate da sole o congiuntamente: Verdiso, Bianchetta trevigiana, Perera e Glera lunga.

 

 Caratteristiche

Aspetto

Il Colli Asolani o Asolo-prosecco ha colore giallo paglierino, più o meno carico; la tipologia Spumante Superiore ha colore giallo paglierino più o meno intenso, brillante, con spuma persistente; il Colli Asolani o Asolo-Prosecco Frizzante si presenta di colore giallo paglierino più o meno intenso, con formazione di bollicine.

Profumo

L'odore è gradevole e caratteristico di fruttato.

Gusto

Il Colli Asolani o Asolo-Prosecco ha sapore da secco ad abboccato, rotondo, caratteristico; il sapore del Colli Asolani o Asolo-Prosecco Spumante Superiore è da brut ad abboccato, di corpo, gradevolmente fruttato, caratteristico; quello della tipologia Frizzante è da secco ad amabile, fruttato, caratteristico.

Gradazione

La gradazione minima prevista è di 10,50% vol per le tipologie Tranquillo e Frizzante, mentre per lo Spumante Superiore è di 11,00% vol.

 Età ottimale

Da consumare preferibilmente dopo due o tre anni dalla vendemmia.

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Colli Asolani o Asolo-Prosecco Tranquillo
  • Colli Asolani o Asolo-Prosecco Frizzante
  • Colli Asolani o Asolo-Prosecco Spumante Superiore

 Calice e servizio

Va servito ad una temperatura che oscilla tra i 7° e i 9°, preferendo per il servizio il calice, la flute o la coppa.

 

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Per grandi linee questo tipo di vino riesce a sposarsi bene con quasi tutti i prodotti del territorio, in modo particolare col pesce spada al cartoccio, crepes di riso e pere al vapore con erba cipollina,  uova.