Bagnoli Friularo

Il Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli è una giovane Docg (novembre 2011), e viene prodotto in provincia di Padova nell'intero territorio dei comuni di Agna, Arre, Bagnoli di Sopra, Battaglia Terme, Bovolenta, Candiana, Due Carrare, Cartura, Conselve, Monselice, Pernumia, S. Pietro Viminario, Terrassa e Tribano. La zona di produzione delle uve atte a produrre il Bagnoli Friularo con la menzione "Classico" interessa l'intero territorio del comune di Bagnoli di Sopra. La zona di produzione presenta un'elevata complessità geologica e pedogenetica. Nella zona settentrionale e più precisamente nei comuni di Battaglia Terme e Monselice, i suoli hanno avuto origine dalla disgregazione delle rocce vulcaniche, sono ben drenati e ricchi di minerali e microelementi. Le zone pianeggianti degli altri comuni sono caratterizzate da una differente tessitura e dalla ricchezza minerale originata dai sedimenti dei fiumi Adige, Bacchiglione e Brenta. La vicinanza dei colli Euganei garantisce una ventilazione serale e mattutina che permette in estate di mitigare la sommatoria termica nelle ore più calde e in primavera di salvaguardare dalle brinate. Il clima è temperato, caratterizzato da condizioni termiche mediterranee, inverni miti, estati calde e asciutte. Le forme di allevamento consentite sono a controspalliera semplice e a cortina doppia mentre sono vietate le forme di allevamento espanse È consentita l'irrigazione di soccorso. La coltivazione del relativo vitigno nel territorio di Bagnoli ha origini antichissime. La zona faceva parte della "Decima Regio, Venetia et Histria" ed era attraversata da est ad ovest, dalla via "Amnia" costruita nel 131 a.C.  Questa Docg comprende quattro tipologie: il Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli (anche nelle tipologie riserva e vendemmia tardiva), il Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli Classico (anche nelle tipologie riserva e vendemmia tardiva), il Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli Passito, il Bagnoli Friularo o Friularo di Bagnoli Classico Passito. Nella preparazione dei vini diversi dalla tipologia passito e vendemmia tardiva possono essere utilizzate uve sottoposte ad appassimento fino ad un massimo del 50% dell'intera partita. Tutte le operazioni di appassimento delle uve, vinificazione, invecchiamento e imbottigliamento, debbono essere effettuate nella zona DOCG. La menzione "Vendemmia Tardiva" è riservata esclusivamente al vino a denominazione di origine controllata e garantita "Bagnoli Friularo" o "Friularo di Bagnoli", prodotto con almeno il 60% delle uve raccolte e vinificate, come è tradizione, dopo l'Estate di San Martino (11 novembre). La tipologia "Passito" è ottenuta attraverso un appassimento naturale delle uve sulle viti o in locali idonei.

 Vitigno

Raboso Piave in misura non inferiore al 90%. Altri vitigni a frutto a bacca rossa, idonei alla coltivazione nella provincia di Padova, in misura non superiore al 10%.

 

 

 Caratteristiche

Aspetto

Colore rosso rubino se giovane, tendente al granato con l'invecchiamento.

Profumo

Vinoso, intenso, caratteristico le tipologie Rosso e Classico; caratteristico, gradevole la tipologia Passito. 

Gusto

Il sapore è asciutto, pieno, vellutato, intenso, tendente all’acidulo le tipologie Rosso e Classico; da amabile a dolce, vellutato, caratteristico la tipologia Passito.

Gradazione

La gradazione minima prevista è di 11,50% vol e 12,50% vol nella versione riserva, di 15,50% vol per il Passito.

Età ottimale

I vini Docg Bagnoli Friularo, diversi dalla tipologia Passito, devono essere sottoposti ad invecchiamento che dovrà essere di almeno 24 mesi di cui almeno 12 mesi in botti per la versione riserva, 12 mesi per gli altri vini. Il vino Docg Bagnoli Friularo Passito (anche con la specificazione Classico) non potrà essere immesso al consumo prima di un periodo di maturazione ed affinamento di almeno 2 anni in botti. Durante questo periodo, che precede la messa in bottiglia, il vino può compiere una fermentazione lenta che si attenua nei mesi freddi.

 

 Zona di produzione

 Tipologie

  • Bagnoli Friularo Classico‏
  • Bagnoli Friularo Classico Passito‏
  • Bagnoli Friularo Classico Riserva‏
  • Bagnoli Friularo Classico Vendemmia Tardiva‏
  • Bagnoli Friularo Passito‏
  • Bagnoli Friularo Riserva‏
  • Bagnoli Friularo Vendemmia Tardiva

 Calice e servizio

Va servito in ampi bicchieri, in modo da dare ai profumi la possibilità di evolversi con l’ossigenazione del vino, ad una temperatura di servizio ideale dai 16 ai 18 °C.

 

 

 

 Abbinamento con i cibi

Il Friularo ben si abbina alle carni rosse, specialmente alla selvaggina e al cioccolato con il 70% di cacao, è un ottimo vino da meditazione.