Produttori liquori

Liquori

Il Liquore è, in genere, una soluzione alcolica zuccherina a base di componenti vegetali ottenuti per loro distillazione, estrazione o diluizione. E' quindi composto da acqua, alcool, zucchero, estratto o succo di frutta. Tali componenti devono essere assolutamente naturali in primo luogo per poter offrire al consumatore finale un prodotto sano; in secondo luogo perché soltanto così si ritroveranno nella bevanda profumi e gusti che ricordano inconfondibilmente la denominazione del liquore.

Vi sono Liquori monocomponenti o semplici, che contengono una sola pianta determinante ed eventualmente altre come aromatizzanti o correttive del sapore o del colore (Limoncello, Arancino, Nocino ...), e Liquori pluricomponenti o composti, contenenti, generalmente, miscele di vegetali, come ad esempio gli Amari.

Un liquore che sicuramente è legato alla tradizione veneta è l'Amaro al radicchio rosso di Treviso, ottenuto da secoli dalla varietà tardiva del radicchio rosso di Treviso I.G.P. e che è il risultato di lunghe ricerche e sperimentazioni. Viene prodotto in tutta la provincia di Treviso e il suo segreto deriva non solo dall'utilizzo di un prodotto conosciuto e stimato in tutto il mondo, tanto da avere la certificazione I.G.P. (Identificazione Geografica Protetta), ma anche dalla tecnica utilizzata per l'infusione e la distillazione, che viene tramandata da generazioni. Per ottenerlo, il radicchio viene pulito e messo in infusione in alcool mescolato ad acqua per raggiungere la gradazione di 50 gradi. Dopo macerazione per 60 giorni, il prodotto subisce una distillazione e poi si imbottiglia. L'amaro sia all'olfatto che al gusto riporta il classico sapore del radicchio di Treviso, con profumo erbaceo, gusto pieno e retrogusto amarognolo. Viene generalmente consumato come digestivo dopo i pasti.

A Torreglia, comune padovano che si estende ai piedi dei Colli Euganei, è tradizione produrre il Sangue Morlacco, un liquore dolce a base di ciliegie marasche. Le sue origini sono legate alla famiglia Luxardo che già nel 1830 utilizzando le amarene marasca della costa slava, producevano un maraschino denominato inizialmente Visna e poi Cherry Brandy. Una volta in Italia tale liquore venne rinominato Sangue Morlacco da Gabriele D’Annunzio durante la sua impresa di Fiume (1919), in onore degli italiani di Dalmazia. Il Sangue Morlacco è caratterizzato da un colore rosso scuro, un forte aroma di marasche e un gusto deciso e gradevole. Ottimo come liquore da sorseggiare, accompagna perfettamente il cioccolato, il Sangue Morlacco viene anche usato per aromatizzare preparazioni di pasticceria.

Il Liquore Barancino è una produzione tradizionale del bellunese, confezionato partendo dalla Grappa addizionata con infusi tipici delle zone montane. È prodotto sin dal 1895 e la tradizionale ricetta continua ad essere usata ancor oggi anche da piccoli distillatori della zona. Il liquore Barancino è composto da una soluzione idroalcolica cui vengono aggiunti Pino Mugo, Ginepro e zucchero. Si presenta con una colorazione brunita, un sapore intenso e un gusto amarognolo e una gradazione finale di 38° Vol.

Il Liquore del Cansiglio prende il nome dall’omonima zona ai piedi delle Alpi Orientali, a cavallo tra le province di Treviso, Vicenza e Belluno, caratterizzata da zone boschive sviluppate e poco antropizzate. Il prodotto nasce nel secondo dopoguerra e da allora la sua ricetta (tipica) è stata mantenuta inalterata nel tempo. Il liquore del Cansiglio è ottenuto dall’infusione di bacche ed erbe tipiche del bosco, diluito con acqua e zucchero. Viene prodotto alla gradazione di 25% di alcool. Si presenta di colore bruno ed è caratterizzato da un aroma molto fragrante e marcato, da un gusto rotondo e pulito grazie all’utilizzo esclusivo di aromi naturali e all’assenza di coloranti artificiali.